Sicurezza COVID Sicurezza COVID

Proposte di viaggio

Quali sono le cinque terre e come scoprirle dalla Toscana alla Liguria

Aggrappate con forza su scogliere a strapiombo sul mare, ecco quali sono le Cinque Terre!

Un tratto di costa tra i più belli e incredibili del Mediterraneo, ripido e roccioso, custodisce cinque meravigliosi borghi marinari a strapiombo sul mare e immersi in una natura incontaminata, dai quali prende il nome.
Ma quali sono le Cinque Terre? In ordine, da est a ovest, Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, agglomerati di coloratissime case-torri, attraversati da vicoli e carruggi, ai quali si alternano spiaggette e baie turchesi, così da formare un paesaggio unico al mondo.

Quali sono le Cinque Terre e cosa vedere nella costiera ligure?



I cinque borghi medievali sono vicinissimi, impossibile pensare a uno senza considerare gli altri, ma ognuno ha la sua storia, i suoi segreti, le sue peculiarità e tradizioni. Tutti insieme sono le Cinque terre, inserite nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO e una delle destinazioni più amate, ideali per vivere un soggiorno indimenticabile e scattare fotografie da cartolina.
Andiamo allora a scoprire cosa vedere alle Cinque Terre:

1. Monterosso

Tra i borghi è il più a ponente, il primo che s’incontra quindi arrivando da Genova, e considerato anche il più accessibile. La sua meravigliosa natura ha ispirato Eugenio Montale, che ha trascorso qui molte estati e che lo ha descritto come “paese roccioso e austero, asilo di pescatori e contadini”.
Monterosso ancora oggi esercita il fascino del classico borgo di pescatori e racconta le lotte avvenute sul mare con la Chiesa di San Giovanni, il Castello a picco sul mare e le sue torri medievali, come la Torre Aurora, ultima rimasta delle 13 che nel XVI secolo circondavano il paese. Monterosso al Mare è la parte più antica, mentre Fegina costituisce la parte turistica/balneare, con molte spiagge attrezzate e bagni meravigliosi, e dove sorge anche la villa liberty della famiglia Montale.

2. Vernazza

Considerato da molti il più bello tra i borghi delle Cinque Terre, è anche l’unico a essere inserito tra i “Borghi più belli d’Italia”, anche se gli altri non sono certo da meno. Sicuramente Vernazza è però il più famoso e fotografato, tanto che la sua immagine dall’alto viene spesso utilizzata come simbolo dell’intero territorio.
Situata su un’imponente scogliera, Vernazza rievoca atmosfere magiche di un lontano passato, grazie a vicoletti enigmatici, piccole casette rosse, gialle e rosa che creano uno scenario suggestivo.
Da non perdere la Chiesa di Santa Margherita di Antiochia, i resti dell’antica struttura fortificata della città, come la torre di avvistamento, il Castello Doria e la Torre del Convento dei Padri. Meraviglioso il Santuario di Nostra Signora di Reggio e il suo piazzale alberato che invita alla meditazione e al relax.

3. Corniglia

Il borgo centrale delle Cinque Terre è l’unico a non avere accesso diretto al mare. Corniglia sorge infatti su una roccia a circa 100 metri sul livello del mare, motivo per il quale è conosciuto come il “Balcone delle Cinque Terre”.
Per arrivare è necessario salire una lunga scalinata di mattoni composta da 33 rampe e 377 gradini, oppure attraversare una strada carrozzabile che dalla ferrovia porta al paese, ma vale assolutamente la pena: in centro si trova la parrocchia gotica di San Pietro e la settecentesca piazza di largo Taragio con l’Oratorio di Santa Caterina, che spicca tra le case. Per il resto il borgo è un gioiello grezzo, con strade anguste, vicoli e stradine ricavate nella roccia.

4. Manarola

Il più piccolo e il più pittoresco dei borghi marinari: Manarola vanta un'antica tradizione nella produzione di vino e olio, e oggi infatti è noto, oltre che per la sua bellezza, anche per questi prodotti eccellenti, i suoi vitigni e gli ulivi.
Nella parte inferiore della cittadina si trova il vecchio mulino o frantoio, messo a nuovo dal Parco Nazionale, mentre in alto, fiera e altezzosa, si erige la Chiesa di San Lorenzo, costruita nel 1338 in stile gotico – ligure, costituita da tre bellissime navate e da interni barocchi. Da non perdere poi il Campanile Bianco, l’antica torre di controllo e avvistamento e il quattrocentesco Oratorio dei Disciplinati della Santissima Annunziata.

5. Riomaggiore

Il borgo più a Levante si fa spazio tra due colline scoscese ripide che arrivano fino al mare ed è caratterizzato da stradine, casette colorate, e da una natura incontaminata. Celebre la via dell’Amore di Riomaggiore, un percorso scavato nella roccia che conduce a Manarola e davvero meraviglioso, dov’è possibile ascoltare solo il rumore delle onde.


Dalla Toscana alla Liguria: il nostro tour organizzato nelle Cinque Terre



Abbiamo visto quali sono le Cinque terre e le loro peculiarità. Un itinerario che attraversa questi meravigliosi borghi arroccati sul mare può partire dalla Toscana e proprio così lo abbiamo ideato noi di Caldana Europe Travel, nel nostro “Tour Toscana e Cinque Terre”.

S’inizia dalla visita di Pisa con la sua suggestiva Piazza dei Miracoli, la Cattedrale di Santa Maria Maggiore e il Battistero, per proseguire poi verso le Cinque Terre.
Dopo aver ammirato le bellezze di Monterosso e Vernazza, il nostro tour organizzato torna in Toscana, a Firenze, culla del Rinascimento e custode di tesori artistici inestimabili. Prevista anche la visita alla Galleria degli Uffizi e una sosta a Siena, città del Palio, e proseguimento verso San Gimignano, caratteristico e antico borgo medievale che si erge nel cuore della Val d’Elsa.

Se stai progettando ancora cosa fare in estate, e sogni di visitare questi luoghi magici, contattaci e unisci a noi, il tuo posto sul pullman ti aspetta!


Redazione Caldana Travel

Condividi l'articolo
Facebook Twitter LinkedIn WhatsApp