Sicurezza COVID Sicurezza COVID

Proposte di viaggio

6 curiosità sul Friuli Venezia Giulia per scoprirne identità e bellezze

Tra leggende e storia: tutte le curiosità sul Friuli Venezia Giulia, crocevia di culture e tradizioni

Terra di confine in passato contesa, è oggi punto d’incontro di culture diverse, che contribuiscono a renderla un tripudio di tradizioni, lingue e confessioni: stiamo parlando della nostra regione più a nord-est, il Friuli Venezia Giulia, variegata anche dal punto di vista del paesaggio, che va dalle Alpi alle Dolomiti, passando per i fiumi, fino al Mar Adriatico.
Grazie a una tale ricchezza e alla sua lunga storia, anche tormentata, le curiosità sul Friuli Venezia Giulia non possono che essere molteplici, ed eccoci pronti a fartele scoprire.

Curiosità sul Friuli Venezia Giulia: dall’Impero Romano alla Grande Guerra

Culla di splendide città storiche, magnifici itinerari e cultura, questa regione può essere la protagonista di diversi tour, ma non attraverso le sue provincie, perché qui non esistono: et voilà, ecco la prima delle curiosità sul Friuli Venezia Giulia! Ma andiamo a scoprirne altre:

1. Il Ponte del Diavolo di Cividale del Friuli. Collega le sponde del fiume Natisone ed è il vero simbolo di Cividale, primo ducato longobardo in Italia, borgo che custodisce tradizioni millenarie e Patrimonio dell’Umanità Unesco. La leggenda narra che il ponte sia stato costruito in una sola notte proprio dal diavolo, in cambio dell’anima del primo essere che vi fosse passato sopra. Si dice che i cividalesi, allora, ci abbiano fatto passare un cane (alcuni dicono un gatto) e il diavolo si accontentò.

2. Il mosaico pavimentale più vasto del mondo occidentale cristiano. È possibile ammirarlo nella Basilica Patriarcale di Aquileia: 750 mq formati da milioni di tessere colorate in pietra e in pasta di vetro, che prendono spunto dalle Sacre Scritture.
 
3. Palmanova, la città a forma di stella.  Fortezza di origine veneziana, è racchiusa in una cerchia di mura, bastioni e fossati, ha la forma di una stella a nove punte, che la rende davvero elegante da ammirare dall’alto, ma è altrettanto affascinante da scoprire a piedi, entrando da una delle tre porte della città, ancora perfettamente conservate, all’interno delle quali si trovano palazzi storici, il Duomo e altre bellezze.

4. Il campanile più alto d’Italia. Si trova a Mortegliano, in provincia di Udine. Inaugurato nel 1959, con i suoi 113,20 m di altezza è il più alto d’Italia, il terzo d’Europa e quinto nel mondo.
 
5. Gorizia, città sul confine. È dirimpettaia di Nova Gorica, città slovena che fino al 1947 faceva parte del Comune di Gorizia. Dal 1947, infatti, in seguito alla sconfitta dell’Italia, con il trattato di Parigi, Nova Gorica (come gran parte del Friuli-Venezia Giulia) è stato ceduto alla Jugoslavia e, fino al 2004 (anno di ingresso della Slovenia in Europa), tra le due città passava un muro che delimitava il confine di stato. Oggi osservando le immagini satellitari si può vedere come il confine che passa in mezzo alla città.
 
6. Il Sacrario Militare più grande d’Italia. Anche il più maestoso, sorge a Redipuglia, sulle pendici del versante occidentale del Monte Sei Busi, aspramente conteso durante il primo conflitto mondiale. Quest'opera, detta anche Sacrario "dei Centomila", custodisce i resti di 100.187 soldati caduti nelle zone circostanti, in parte già sepolti inizialmente sull'antistante Colle di Sant'Elia, a testimonianza del sacrificio dei caduti della Grande Guerra, quasi totalmente combattuta qui.

Come organizzare un tour del Friuli Venezia Giulia?

Attraverso le curiosità sul Friuli Venezia Giulia abbiamo accennato a solo alcune delle sue bellezze storiche, naturali e artistiche, ma questo territorio offre tantissimo altro, e il modo migliore per esplorarlo è attraverso il nostro “Gran tour del Friuli Venezia Giulia”: tra le tappe non possono mancare Aquileia, capitale della X regione dell’Impero Romano (Venetia et Histria) oggi inserita dall’Unesco nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità, e Grado, antico borgo di pescatori disteso su un’isola tra il mare e la laguna, dall’aspetto “veneziano”, con canali calli e campielli.

Ovviamente, grande attenzione è posta su Trieste, punto cruciale d’incontro tra Occidente e Oriente, che mixa culture, lingue, religioni e tradizioni diverse. Tra le cose da vedere a Trieste la meravigliosa Piazza Unità d’Italia, l’unica del bel Paese che si affaccia sul mare (ecco un’altra curiosità sul Friuli Venezia Giulia!), il centro storico, e il Castello Miramare con il parco che lo circonda.

Il nostro itinerario passa anche per Redipuglia, Gorizia, Cividale del Friuli, Udine e Palmanova.
Grazie alla sua meravigliosa, e strategica posizione geografica, il Friuli è anche il luogo ideale per visitare le Dolomiti, oppure trascorrere l’estate al mare, ad esempio a Grado, meta turistica internazionale, o Lignano Sabbiadoro, la più grande località balneare della regione.
 
 


Redazione Caldana Travel

Condividi l'articolo
Facebook Twitter LinkedIn WhatsApp
POTRESTI LEGGERE ANCHE...
Roma

VACANZE ROMANE...

13/08/2014