Diari di viaggio

Budapest e Castelli d'Ungheria

Budapest e Castelli d'Ungheria: diario di viaggio di Marta, tour leader Caldana Europe Travel


Abbiamo fatto questo bel viaggio con un gruppo molto interessante e genuino, composto da persone arrivate da diverse parti dell'Italia che però hanno formato una bella "famiglia" entro breve tempo.
L'autista Gabriel in viaggio con noi è stato molto bravo ed ottimo compagno di viaggio.
Mi fa sempre piacere far vedere una parte dell"Ungheria, la mia patria, ed é molto bello poter avere il ruolo di accompagnatice insieme a quella di guida turistica. Un lavoro impegnativo, che svolgo sempre con grande piacere.
Durante il nostro viaggio abbiamo attraversato una bella parte dell'Italia settentrionale, da Verona in direzione di Trieste, viaggio che ho arricchito aggiungendo spiegazioni dei diversi paesaggi e città che lasciamo accanto noi. È interessante scoprire che parecchi posti sono collegati con avveniment storici tra le due Nazioni.
 
La nostra prima tappa in Ungheria è stata a Zalakaros, localitá famosa per i suoi bagni termali, di cui anche il nostro hotel era dotato, permettendoci di rinfrescarci con le acque curative prima di cena.
Abbiamo proseguito per Héviz dove si trova il piú grande lago termale d'Europa, con le sue nifee in mezzo ad una natura incontaminata, protagonista delle nostre foto.
Lago di Heviz
Lago di Heviz


Il primo castello visitato è stato quello di Festetics a Keszthely, con il museo delle carrozze, poi finalmente abbiamo avvistato il lago Balaton, arrivando alla penisola pittoresca di Tihany: vie caratteristiche, le case secolari fatto con il tetto di canna e la bella antica abbazia dei benedettini.
Penisola di Tihany
Penisola di Tihany

 
Proseguendo sulla costa settentrionale tappa obbligata a Balatonfured, la capitale di questo lato del lago, con le sue caratteristiche ville e il suo porto.
Per l'ora di cena siamo arrivati Budapest, finendo poi la giornata con il giro della città by night, molto suggestivo e pieno di magia.
La mattina seguente abbiamo iniziato il giro a Pest, attraversando uno dei bei ponti sul bel Danubio blu,e proseguendo sulla vie larghe ed eleganti siamo arrivati sulla Piazza degli Eroi. Qui si trova il castello di Vajdahunyad all'interno del Parco civico e le famose terme Széchényi.
Budapest, Piazza degli Eroi
Budapest, Piazza degli Eroi

Il pomeriggio abbiamo proseguito la visita sulla collina reale a Buda. La domanda più ricorrente è stata: quale é la parte piú bella della città?
Non è mai facile dare la risposta giusta!
Salendo sui Bastione dei Pescatori, abbiamo osservato il panorama mozzafiato della cittá con il Parlamento, la Basilica di Santo Stefano, il ponte piú bello ed emblematico il Lánchid, tradotto in ponte Széchényi o meglio conosciuto come il ponte delle Catene.
Budapest, Bastione dei Pescatori
Budapest, Bastione dei Pescatori
Budapest, Ponte delle Catene
Budapest, Ponte delle Catene

Entrando nella Chiesa di Re Mattia, ci colpisce in primis il suo tetto realizzato con le piastrelle di maiolica,rappresentando lo stile liberty ungherese.
Per scoprire le bellezze delle vie caretteristiche con le case secolari, abbiamo passeggiato verso il Palazzo Reale.
Budapest, Chiesa di Mattia
Budapest, Chiesa di Mattia

 
La sera avevamo la cena tipica ungherese con il programma folcloristico in una delle ˝csárda˝, ristorante caratteristico dove abbiamo finalmente assaggiato la pálinka, cioé il distillato di albicocca, che si beve tipicamente come aperitivo.
Abbiamo mangiato il famoso gulyás e altri piatti tipici e dolci ungheresi.
La cena era allietata dal programma folcloristico: ballerini con addosso i vestiti tipicamente ricamati con i motivi ungheresi, ci hanno intrattenuto con le danze, insieme alla presenza del gruppo dei musicisti zigani che ci hanno fatto sentire la musica ungherese, zigana e internazionale.
Gulyás
Gulyás 
 
Il castello barocco piú bello di Gödöllő, Grassalkovitch oppure meglio noto come castello di Sissy, apparteneva alla coppia imperiale di Francesco Giuseppe e alla sua amatissima moglie Sissy.
Nelle sale abbiamo potuto ammirare oltre alle opera d´arte di grande valore ,tanti oggetti personali appartenuti ai proprietari del castello.
Castello di Gödöllő
Castello di Gödöllő

 
Nel parco Lazar, nel grembo della natura, abbiamo visto la dimostrazione equestre, le razze stupende dei cavalli, animali caratteristici ungheresi, fatto un bel giro anche con la carrozza traintata da questi.
Parco Lazar
Parco Lazar

 
Con la navigazione sul maestoso Danubio, abbiamo potuto vedere i palazzi, le zone piú belle della cittá, immersi in un meraviglioso tramonto.
Il giorno successivo siamo arrivati a Fertőd, o meglio al castello Esterhazy, con le sue stupende sale, e l´enorme parco piú di 300 ettari, dove ha lavorato Hadyn come musicista della famiglia.
 Fertőd, castello Esterhazy
 Fertőd, castello Esterhazy

 
Dopo la visita alla cittá barocca Sopron, siamo arrivati a Bükfürdő, altrettanto famosa localtá per le sorgenti termali.
Nel nostro albergo, dotata da prassi di acqua termale abbiamo potuto sentire di nuovo gli effetti benefici di queste acque curative.
 
Le belle giornate con l´ampio programma,la visita di parecchie cittá e castelli sono volati via velocemente e al rientro in Italia, nella testa di tanti dei nostri passeggieri già frullavano le idee del prossimo tour da fare.

Scopri il tour Budapest e Castelli d'Ungheria

Marta V. - tour leader Caldana Europe Travel
 
Redazione Caldana Travel

Condividi l'articolo
Facebook Twitter LinkedIn WhatsApp
TI CONSIGLIAMO...
Budapest Special - da Novembre a Marzo

Budapest Special - da Novembre a Marzo

Regina del Danubio