Sicurezza COVID Sicurezza COVID

Proposte di viaggio

Come visitare la Valle d'Aosta tra castelli e forti

Perché visitare la Valle d’Aosta è un’esperienza unica in tutte le stagioni

Protetta dalle cime del Monte Bianco, il Cervino e il Gran Paradiso, la Valle D’Aosta è un piccolo scrigno di tesori che accontenta i visitatori in ogni periodo dell'anno e offre la possibilità di spaziare tra diverse esperienze.
Visitare la Valle l’Aosta significa, infatti, conoscere castelli da fiaba, valli incantate, santuari mistici, paesini di montagna, ma anche città come Aosta, considerata un “angolo dell’antica Roma tra le Alpi”.

Facciamo allora un salto in questa meravigliosa regione italiana e scopriamo cosa non perdersi assolutamente per cogliere la sua essenza. 

5 castelli della Valle d’Aosta da scoprire

Il territorio della Valle d’Aosta è puntellato da forti e castelli disseminati in posizioni strategiche, uno più suggestivo dell’altro. Alte torri, imponenti fortezze ed eleganti residenze, in inverno avvolte dal bianco candido della neve, in autunno immerse nei caldi colori ocra e in estate inondate dai raggi lucenti del sole.
Iniziamo il nostro viaggio alla scoperta dei castelli valdostani.


1. Forte di Bard. Probabilmente è il più famoso e accoglie chiunque entri nella Regione. Arroccato su una profonda gola scavata dalla Dora Baltea, a guardia della vallata, è maestoso, inespugnabile e dall’aspetto severo: osò bloccare per due settimane anche le truppe di Napoleone. Grazie ai comodi ascensori panoramici, è possibile raggiungere i diversi corpi che ospitano musei e mostre contemporanee, come il Museo delle Alpi. Da non perdere le Prigioni del Forte, minuscole celle che si snodano lungo il percorso che racconta la storia del castello, e Il Ferdinando, all’interno del quale è possibile vivere un incredibile viaggio alla scoperta delle fortezze e della loro evoluzione dall’epoca romana al Novecento.
 
2. Castello di Issogne. Orgoglio dei Conti Challant, del XV secolo, è un capolavoro assoluto che conserva infatti tesori unici: la visita guidata permette infatti di ammirare le lunette raffiguranti scene di vita quotidiana di fine Quattrocento, la fontana del melograno, le incantevoli sale affrescate ed allestite con mobili originali
 
3. Castello di Fénis. In un tour tra i castelli della Valle d’Aosta è senza dubbio una tappa obbligata. Dopo aver attraversato la cinta muraria e il portone d’ingresso, ci si ritrova in un cortile che lascia senza fiato: un salone semicircolare dietro al quale si nascondono affreschi d’inizio Quattrocento, mentre all’interno si trova la sala d’armi, il refettorio e le cucine, dove il camino enorme la fa da padrone. Il vero gioiello del castello è però la cappella interamente affrescata, dove troneggia la Madonna delle Misericordie intenta a proteggere sotto il suo manto i membri della nobile famiglia proprietaria del castello, i nobili signori di Challant.

4. Castel Savoia Gressoney. Incastonato nell’incantevole località ai piedi del Monte Rosa e all’interno di una foresta di abeti rossi e larici, è sicuramente uno tra castelli più belli d’Italia. Dimora voluta dalla regina Margherita, la prima sovrana d’Italia, che trascorreva qui l’estate, si trova in una posizione dalla quale è possibile ammirare tutta la vallata, fino al ghiacciaio Lyskamm.

Il castello rispecchia l’eleganza e la raffinatezza della sua sovrana e sembra essere uscito proprio da una favola: all’esterno, il candido edificio è protetto da cinque torri, l’una diversa dall’altra, mentre l’interno è ricco di decori, sofisticate boiseries e ricercati mobili di ispirazione medievale. Da non perdere, poi, l’appartamento della Regina, ricco di elementi che spiccano per la loro estrema modernità e il giardino botanico dove è possibile ammirare numerose specie alpine.
 
5. Castello Reale di Sarre. Sorge su una collina avvolta da vigneti, è stato la dimora di Vittorio Emanuele II, primo re d’Italia, che lo adibì a quartier generale durante le sue battute di caccia nelle valli del Gran Paradiso. All’interno viene ripercorsa la storia dei sovrani d’Italia, attraverso trofei, appartamenti reali e stanze degli ospiti.

Parchi e storia, i luoghi magici della Valle d’Aosta


Visitare la Valle d’Aosta significa ammirare le sue fortezze, ma anche lasciarsi travolgere dalla bellezza delle sue vallate e dei parchi, luoghi magici nei quali rigenerarsi e ritrovare il contatto con la natura più autentico.
La Valle di Gressoney, solcata dal torrente Lys, nasce alle pendici del Monte Rosa, ospita Castello Savoia e il paese di Perloz: abbarbicato sulla roccia e circondato da rigogliosi castagni, è stato nel passato un centro amministrativo importante e conserva ancora oggi pregevoli edifici di epoca medievale, oltre che un bel santuario mariano.
Superato il Forte di Bard, si giunge alla valle di Champorcher e il villaggio di Pontboset che, come suggerisce il nome, è caratterizzato da molti e tipici ponti conformati a “schiena d’asino” e dell’epoca tardo-medievale.

Tra le vallate più famose Valtournenche, solcata dal torrente Marmore ed il primo comune che si incontra è Antey-Saint-André, noto per ospitare La Festa delle Mele durante la seconda domenica di ottobre.
Meravigliosa anche la Val di Cogne, che si trova nello straordinario scenario del Parco Nazionale del Gran Paradiso, il primo parco nazionale istituito in Italia: si tratta di due vallate piuttosto selvagge e poco abitate, luogo ideale per trascorrere l’estate in montagna immersi nella natura, facendo trekking ed escursioni, durante le quali è possibile incontrare stambecchi, camosci, marmotte e volpi.

Chi non conosce poi Courmayer? Una località turistica che attira ogni anno milioni di visitatori, ma che preserva un'atmosfera alpina sincera e originale, che si respira passeggiando tra i negozi e le vie del centro. Nei suoi pressi è da non perdere il Santuario di Notre-Dame de Guérison, a ridosso del Ghiacciaio della Brenva: fu edificato nel diciannovesimo secolo per conservare una statua della Madonna venerata fin dal XVII secolo, reliquia conservata in una piccola cappella successivamente distrutta dall'avanzare del ghiacciaio. 

Tra le città spicca ovviamente il capoluogo Aosta, fondata dai Romani nel 25 a.C. e che ancora oggi conserva importanti vestigia di epoca romana come l’Arco di Augusto, il teatro, il ponte e l’anfiteatro, ma anche monumenti più recenti come il la Collegiata di Sant’Orso e il Duomo.

Come visitare la Valle d’Aosta con un tour organizzato?



Stai già sognando di visitare la Valle d’Aosta ma vuoi seguire un itinerario ben preciso per non perderti le località più belle e scoprire tutto sui suoi forti?
Scopri il nostro tour della Valle d‘Aosta che tocca Castelli, il Parco Nazionale del Gran Paradiso e altri luoghi magici. Avrai sempre a disposizione un guida locale e la possibilità di provare la comodità del viaggiare in pullman.
Contattaci per saperne di più e prenotare!


 

Redazione Caldana Travel

Condividi l'articolo
Facebook Twitter LinkedIn WhatsApp
POTRESTI LEGGERE ANCHE...