Proposte di viaggio

Da Toledo a Madrid: le curiosità sulla Spagna per scoprirne le usanze

Meraviglie naturali, storiche e tradizioni! Ecco le curiosità sulla Spagna che non conosci

La bellezza delle sue coste, la ricchezza artistica e il sapore dei suoi piatti, la rendono una delle nazioni più belle al mondo: la Spagna, a due passi dall’Italia, è percepita per questo anche culturalmente vicina a noi.

In realtà, sono molte le particolarità che nasconde davvero interessanti, oltre a quelle maggiormente note che attirano milioni di visitatori in ogni stagione dell’anno.
Scopriamo allora le curiosità sulla Spagna che vale davvero la pena conoscere prima di intraprendere un viaggio in questa terra caliente e densa di storia.

7 curiosità sulla Spagna che probabilmente non conosci

Sai che il suo nome ufficiale è “Il Regno di Spagna”? Questa è solo una delle tante cose meno note su questo paese che pensiamo di conoscere molto bene, ma che cela una sorpresa dopo l’altra.

Ecco allora le curiosità sulla Spagna che abbiamo selezionato per te:

1. In Spagna c’è l’unico deserto d’Europa

Il deserto di Tabernas si trova in Andalusia, nella provincia di Almería, a circa 30 km dalla città, dove le precipitazioni non raggiungono nemmeno i 250 mm annui. Il deserto si estende per ben 280 km² e, la cosa più curiosa e allo stesso tempo affascinante, è che qui sono stati girati moltissimi film come: Marrakech Express, C'era una volta il West e Il buono, il brutto, il cattivo.

Gli spagnoli hanno poi sfruttato gli originali set cinematografici di questi film rimasti nel deserto di Tabernas, per creare dei parchi tematici in stile vecchio far west.

2. Le piantagioni di cotone

Tra Cadice e Siviglia si possono trovare distese infinite di cotone, i cui fiocchi al tramonto si tingono di arancione del cielo. La raccolta avviene tra settembre ed ottobre, quindi, chi decide di visitare l’Andalusia in quel periodo, non deve assolutamente perdere questo spettacolo.

3. Tarifa è il punto più a sud d’Europa

Da qui è possibile vedere l’unione tra Mar Mediterraneo e l’Oceano Atlantico, passeggiando proprio su una scogliera artificiale che li divide, ma anche guardare l’Africa. Proseguendo sulla passerella, infatti, si raggiunge l’Isola de Las Palomas, distante solo 14 km dal Marocco.
Inoltre, a questa città è legata un’altra curiosità sulla Spagna: Tarifa la città più ventosa d’Europa, quindi anche il paradiso per gli amanti del surf o kitesurf.

4. Le Alcazár 

Sono un tipo di fortezza edificata dagli arabi, come suggerisce il nome. La più famosa è l'Alcazár di Siviglia, magnifico edificio ancora oggi utilizzato dalla famiglia reale, ma ce ne sono tantissime in tutta la Spagna, come a Cordova, Madrid, Toledo, Segovia ecc.

5. Il cuore di San Valentino

Tra le curiosità su Madrid c’è quella relativa al patrono degli innamorati. Le sue reliquie si trovano in diverse chiese d'Europa, ma sembra che il suo cuore l'abbia lasciato nella Capitale spagnola, nel vero senso della parola. Infatti, il cuore e il resto del corpo del santo riposano nella Chiesa di San Antón.

6. Non si cena prima delle 21.30

Soprattutto a Madrid vige l’usanza di cenare non prima delle 21.30, mentre verso le 20 è quasi impossibile sottrarsi al rituale dell’hora aperitivo ordinando un buon bicchiere di vino o sangria e le immancabili, quanto golose, tapas. 

7. I mulini a vento di Don Chisciotte

Si trovano nella regione della Castiglia-La Mancia i mulini che compaiono nell’opera del Don Chisciotte e sono più ricchi di storia della Spagna e, forse, del mondo intero.
Sono in molti che, zaino in spalla, in bicicletta, in moto o addirittura a cavallo, proprio come fece il protagonista del romanzo, ripercorrono le sue orme visitando i mulini a vento che prese per giganti.

Alla scoperta della Spagna: cosa visitare in un tour tra Barcellona e Valencia

Crocevia tra il mondo arabo-musulmano e quello latino-europeo, la Spagna permette di intraprendere un viaggio nella storia e visitare tantissimi siti classificati come patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Le città sono ricche di meraviglie da scoprire. Basti pensare alle cose da vedere a Barcellona, prima su tutte la Sagrada Familia, un tempio monumentale unico nel suo genere, opera del geniale Antoni Gaudì, che ha lasciato la sua impronta su gran parte della città.

Parc Güell, per esempio, appartiene al periodo naturalistico di Gaudí, durante il quale perfezionò il suo stile personale traendo ispirazione dalle forme organiche della natura. Ideato come area di urbanizzazione per 60 abitazioni è oggi un parco suddiviso in due aree diverse: la zona monumentale, alla quale si può accedere acquistando un biglietto d’ingresso, e la zona ad accesso libero aperta gratuitamente a tutti i visitatori. Meravigliosa la terrazza su Piazza della Natura, dalla quale si può godere di uno dei migliori panorami su Barcellona.

Sulla riva occidentale del Rio Ebro si trova poi Saragozza, città di origine romana che per quattro secoli fu la capitale del regno moresco più settentrionale. Da non perdere la Basilica di Nuestra Señora del Pilar, al cui interno è custodita l’immagine della venerata Vergine del Pilar, e la Cattedrale e la Lonja.

Vivace ed elegante Madrid, è ovviamente una tappa imperdibile di un tour in Spagna. Caratterizzata da grandi piazze, fontane e parchi, è la città della Movida: come abbiamo già accennato nelle curiosità sulla Spagna, i madrileni amano fare tardi, uscire, mangiare e bere in compagnia.

Da vedere il Museo del Prado, il più visitato della Spagna e il Palazzo Reale, la cui facciata s’ispira a quella del Louvre di Parigi e che rappresenta una magnifica testimonianza del tardo barocco italiano.

Invece cosa visitare a Toledo? Famosa come la “Città delle Tre Culture”, è la più antica della Spagna e storica capitale della Castiglia. Adagiata su un’altura in una stretta ansa del fiume Tago, custodisce splendidi palazzi e grandi tesori, come la Cattedrale gotica di Santa Maria, inserita nel Patrimonio UNESCO, e la Chiesa di Santo Tomé con uno dei più famosi dipinti di El Greco: “La Sepultura del Conte di Orgaz”.

Da non perdere a Toledo anche la Sinagoga del Transito, importante esempio di arte ispano-ebraica.

Se desideri visitare la Spagna classica non puoi perderti Valencia: fondata dai romani nel 138 a.C., oggi è famosa anche come la “città della scienza” per il complesso architettonico progettato dal celebre architetto Santiago Calatrava, "la Città delle Scienze e delle Arti", che racchiude al suo interno cinque spettacolari attrazioni (l’Oceanografic, l’Umbracle, il Palazzo delle Arti, il Museo della Scienza e l’Hemisfèric).

Valencia inoltre custodisce La barocca Puerta del Los Hierros, la romanica Puerta del Palau e la gotica Puerta de los Apostoles, ovvero i tre portali di accesso alla Cattedrale: una sintesi di tutta la storia architettonica della città.

Bellissimo e suggestivo il Quartiere del Mercat, cuore pulsante della città, dove sorge il Palau de la Generalitat, uno dei suoi edifici più significativi, la Cattedrale gotica con la torre del Miguelete simbolo di Valencia, e la Lonja della Seda, l’antica Borsa della Seta, risalente alla fine del XV secolo.

Come prenotare il tuo viaggio in Spagna tra profumi e tradizioni?

Per immergerti nella magnifica atmosfera della penisola iberica e scoprire tutte le curiosità sulla Spagna, le sue tradizioni e i piatti tipici come la paella, non devi far altro che prenotare il tuo posto per il nostro “tour della Spagna Classica” che parte dalla vivace Barcellona, passa per la frizzante Valencia, Toledo, ma ovviamente fa tappa anche a Madrid, per concludersi nell’antica Saragozza per la visita del santuario di Nuestra Señora del Pilar.

Contatta uno dei consulenti di Caldana Europe Travel, chiedi maggiori informazioni e personalizza il viaggio come desideri.
 
 


Redazione Caldana Travel

Condividi l'articolo
Facebook Twitter LinkedIn WhatsApp
TI CONSIGLIAMO...
Ritmo Andaluso (da Malaga)

Ritmo Andaluso (da Malaga)

Tour Escorted con Partenze Garantite

POTRESTI LEGGERE ANCHE...